La malattia parodontale colpisce i tessuti intorno ai denti (tessuti parodontali) e nello stadio più avanzato riesce a mobilizzare i denti per poi farli cadere.

La frequenza della malattia parodontale negli italiani è da tenere in considerazione perché ne soffre il 50% degli adulti sopra i 35 anni e nel nel 15% dei casi si tratta della forma più grave.

Infatti, la velocità di progressione della malattia e la relativa perdita dei denti può essere più o meno rapida con un medesimo esito: la perdita dei denti.

Quando la malattia parodontale distrugge completamente i tessuti di sostegno del dente.

L’unica soluzione è quella estrattiva: infatti, lasciare in bocca elementi dentari in bocca è il presupposto ideale per ulteriori e ben più impostanti infezioni del cavo orale.

Quando la malattia parodontale attacca i siti anteriori…è richiesta la funzione e anche l’estetica del sorriso.

Sebbene abbiamo diverse soluzioni da offrire ai nostri pazienti, in questo specifico caso abbiamo ottenuto ciò che volevamo con una riabilitazione protesica metal-free; ovvero abbiamo ottenuto la soddisfazione del paziente utilizzando protocolli e materiali che sono innovativi quanto estetici.

Pin It on Pinterest

Condividi il post

Condividi il post con i tuoi amici sui social!