Un recente studio scientifico ha esaminato l’eventuale relazione tra la comparsa della febbre e l’eruzione dei denti decidui (da latte). L’eruzione è un processo fisiologico naturale che inizia col primo dente deciduo tra i 4 e i 10 mesi e si completa entro i 30 mesi di età del bambino.
Questo processo è spesso associato ad alcuni sintomi come:

  • irritabilità
  • infiammazione gengivale
  • aumento della salivazione
  • sonno agitato
  • diarrea
  • perdita di appetito

E.. alla febbre!

Chiarito che, per febbre, si intende una temperatura corporea al di sopra dei 37° C, ci si è sempre chiesti se fosse strettamente legata all’eruzione dei denti decidui.
Alcuni studi scientifici, in passato, confermavano questa tesi. Altri sostenevano il contrario.

È doveroso ricordare che nei piccoli bambini la si può misurare in diverse modalità temporali e anatomiche:

  • lontano dai pasti
  • mentre dormono (pur di evitare il loro pianto)
  • sotto le ascelle
  • nel retto
  • nella bocca
  • per contatto dermico

Ad esempio, la misurazione ascellare, sebbene sia la meno invasiva, non riflette bene la temperatura interna perché influenzata dalla temperatura ambientale e dall’attività dei vasi sanguigni limitrofi.

La misurazione rettale (“nel sederino”) (lo lascio o evito?) nonostante sia la più invasiva, è quella più affidabile tanto che, la temperatura anale è in media di 0,5°C superiore di quella orale e di 1°C superiore rispetto a quella ascellare.

Per capire se realmente ci sia associazione tra la febbre e l’eruzione dentaria sono stati valutati ben 83 studi scientifici, dai quali si è fatta una scrematura per arrivare a 6, giudicati i più pertinenti.

Nell’analisi complessiva non è stata riscontrata alcuna associazione tra febbre ed eruzione dentale decidua mentre…quando la febbre è stata misurata per via rettale l’associazione è stata confermata!

Gli autori sottolineano, però, anche la possibilità che i risultati siano stati influenzati sia dalla posizione anatomica in cui è stata misurata la febbre e sia la tipologia di termometro utilizzato (a mercurio / elettronico digitale / a infrarossi / usa e getta)

 

In conclusione

Ci sono pochi studi congrui e affidabili riguardanti l’associazione tra eruzione dentale decidua e la febbre, che sono caratterizzati da elevata eterogeneità tra loro.
La vera associazione è stata rilevata solo per coloro che misurano la temperatura al livello rettale.
Sebbene siano necessari ulteriori studi che utilizzino parametri omogenei tra loro, è molto importante sottolineare di fare attenzione a non confondere la febbre come effetto di altre (non dentali) infezioni in corso!

Pin It on Pinterest

Condividi il post

Condividi il post con i tuoi amici sui social!