Il termine infraocclusione indica una condizione clinica in cui un elemento dentario risulta essere “al di sotto” rispetto agli elementi adiacenti.
Questa condizione è presente nel 3,5 % c.a dei bambini sia maschi che femmine; gli elementi maggiormente interessati sono i molari da latte inferiori e si notano meglio tra gli 8 e i 9 anni di età  (vedi video sotto).

Quali sono le cause?

Le cause non sono state del tutto comprese e dimostrate scientificamente; sappiamo invece di alcuni fattori predisponenti l’infraocclusione.
I fattori predisponenti maggiori risultano essere alcune anomalie nel processo di riassorbimento del dente deciduo (da latte) e l’assenza del legamento parodontale; quest’ultima implica la fusione tra il dente e l’osso circostante e relativa “immobilizzazione” dell’elemento stesso.

Altri fattori predisponenti (minori) risultano essere:

  • Familiarità genetica
  • Traumi/infezioni orali localizzate
  • Malposizione delle gemme dentarie
  • Patologie sistemiche

 

L’infraocclusione è clinicamente definita:

  • Lieve: quando l’elemento è 1 mm al di sotto rispetto a quelli adiacenti
  • Moderata: quando l’elemento è all’incirca a “metà altezza” rispetto a quelli adiacenti
  • Severa: quando l’elemento è all’incirca al livello della gengiva rispetto agli elementi adiacenti

Quali sono le conseguenze?

Le conseguenze possono essere dirette (se riguardano l’elemento stesso) e indirette (se riguardano gli elementi adiacenti).

  1. Gli elementi adiacenti si inclinano con angoli non più fisiologici
  2. L’elemento corrispondente dell’arcata antagonista va in sovraocclusione (il contrario di infraocclusione)
  3. Eruzione scorretta e/o assenza dell’elemento permanente corrispondente (spesso un premolare o molare definitivo)

Cosa possiamo fare?

  1. Monitorare l’eruzione dentaria con visite di controllo ogni 6 mesi
  2. Valutare radiograficamente l’eventuale assenza dell’elemento permanente corrispondente
  3. Fare diagnosi precoce e contestuale terapia ortodontica, al fine di mantenere gli equilibri ossei e dentali dell’intera bocca.

 

Pin It on Pinterest

Condividi il post

Condividi il post con i tuoi amici sui social!